Cristo si è fermato ad Eboli

Grazie alla RAI ed ai suoi archivi ho potuto assaporare il film di Francesco Rosi “Cristo si è fermato ad Eboli” con un intenso Gian Maria Volontè, talmente a suo agio tra la gente contadina che interpreta se stessa, da entrare nell’anima di Carlo Levi e farla risplendere ancora di più.

La colonna sonora di Piero Piccioni accompagna le immagini della terra lucana, i volti scolpiti dalla fatica di tutti gli attori comprimari e delle comparse raccoglie linfa poetica da Pasolini e dal neorealismo del Dopoguerra, e crea un capolavoro di umanità cristiana assolutamente imperdibile.

PS La poesia che segue è la mia “suggestione in versi liberi” nata sull’onda dell’emozione.

LACRIME DELLA TERRA

Arse o allagate
dalle stagioni impietose
si sciolgono
davanti alle tele
dipinte con lo sguardo
rispettoso delle intemperie
della vita.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: